I segreti degli egizi: i misteri che nasconde la civiltà nata sulle rive del Nilo

Quanto fascino e quanto mistero avvolge ancora ad oggi la civiltà degli antichi egizi: popolo di grande cultura e ingegno del quale ammiriamo gli imponenti templi e piramidi ma che sotto le sabbie d’Egitto, vi sono nascosti ancora numerosi segreti d’Egitto.

Abbiamo pertanto deciso di svelare alcuni di questi misteri al fine di ampliare la propria conoscenza di questo antico popolo soprattutto della loro cultura e di come si svolgeva la propria vita.

La stanza segreta

Solitamente ne esiste una in ogni film d’avventura che si rispetti, ma questa volta parliamo di pura realtà: tra i segreti d’Egitto che in molti ignorano vi è una stanza segreta, nascosta dietro ad una porta murata, anzi da quanto emerge da una ricerca eseguita dall’egittologo Nicholas Reeves, le stanze segrete sarebbero due all’interno della Valle dei Re a Luxor.

In pratica, queste sarebbero state sigillare più di 3.000 anni fa e Reeves riuscì a scoprire la loro esistenza per via di alcune piccole crepe poste sugli affreschi che decorano la camera dove è sepolto il faraone Tutankhamon morto improvvisamente giovanissimo all’età di 18 anni.

Ci si chiede dunque, cosa si potrebbe nascondere dietro a questa porta visto e considerato che la temperatura tende ad aumentare o a diminuire a seconda del punto in cui viene misurata.

Secondo Reeves, si nasconde la tomba della madre del faraone, la regina Nefertiti, anche se le indagini condotte nel 2018, hanno smontato questa ipotesi.

 

I misteri della mummia urlatrice

Alcuni esperti l’hanno trovata in un luogo segreto insieme a ben 40 faraoni imbalsamati.

Si tratta di un uomo avvolto tutto quanto in pelle di pecora e deposto in un sarcofago non decorato come se qualcuno avesse voluto nasconderne il corpo in un modo quasi trascurato e veloce.

L’aspetto più inquietante e come l’hanno trovato: la bocca era tutta spalancata e si ipotizza che abbia bevuto del veleno e gli sia rimasto impresso sul viso una smorfia di dolore.

Ci si chiede ovviamente chi fosse quest’uomo.

Secondo un team di ricercatori che hanno provato a ricostruire l’immagine del volto in modo virtuale si ipotizza sia il figlio del faraone Ramses III, il principe Pentawere, punito per aver congiurato contro il padre per prenderne il posto.

Costretto al suicidio, il principe avrebbe assunto il veleno.

Dove è stata sepolta l’ultima regina d’Egitto, ovvero Cleopatra

Si narra che la regina Cleopatra, prima di morire, avesse chiesto un favore ad Ottaviano il suo più acerrimo nemico, ovvero seppellirla insieme a Marco Antonio, suo marito, una volta morta.

La regina si lasciò mordere da un serpente velenoso, morì nel 30 a.C. e secondo alcuni reperti archeologici pare che Ottaviano abbia mantenuto la sua promessa.

Nessuno però sa dove si trovi il suo corpo, sono state avanzate alcune ipotesi ma senza trovare un riscontro positivo, alcuni studiosi ancora oggi continuano le ricerche ma non si ha in mano alcuna prova tangibile.

 Come hanno fatto a costruire le piramidi

Prendendo in considerazione la piramide di Cheope, da quanto emerge da alcune ricerche pare che gli egiziani abbiano impiegato ben 20 anni per riuscire nell’intento finale.

Venne costruita più di 4 mila anni fa, ma la domanda è: come sono riusciti a realizzarla se non c’erano i mezzi a disposizione come oggi.

Secondo le ipotesi più tangibili pare che abbiano utilizzato delle rampe inclinate e una macchina di legno, il che potrebbe spiegare perché abbiano impiegato più di 20 anni nel costruirla.

Scroll Up